Kuo: le entrate dell'iPhone di Apple potrebbero diminuire del 20-30% in questo trimestre a causa delle proteste alla fabbrica Foxconn

A causa delle proteste dei dipendenti nello stabilimento Foxconn, che è il più grande produttore di iPhone, Apple dovrà affrontare

con grossi problemi legati sia alla produzione che alle entrate. Queste le deludenti previsioni del noto analista Ming-Chi Kuo.

Cosa aspettarsi?

Nel quarto trimestre del 2022, le spedizioni di iPhone potrebbero diminuire del 20%, da 80-85 milioni precedentemente previste a 70-75 milioni di unità, ha affermato Kuo.

Ciò influirà anche sui ricavi derivanti dalla vendita di smartphone:secondo le previsioni dell'analista, entro la fine del trimestre diminuirà del 20-30% o anche di più. Crede che a causa dei lunghi ritardi nella consegna, la domanda di iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max diminuirà in modo significativo o scomparirà del tutto: ad esempio, molti clienti che acquisterebbero l'iPhone 14 Pro in questo momento non lo riacquisteranno l'anno prossimo quando il gadget tornerà disponibile.

Secondo Kuo, il tasso di utilizzo medioLa capacità produttiva dello stabilimento Foxconn era solo del 20% circa a novembre e si prevede che migliorerà solo fino al 30-40% a dicembre. Parte degli ordini per la produzione di iPhone 14 Pro e 14 Pro Max sono stati trasferiti a Pegatron e Luxshare, ma si parla solo del 10%. Secondo le previsioni, le consegne di massa non avverranno prima della fine di dicembre.

I problemi nello stabilimento sono iniziati ad ottobre, quandoa causa dell'epidemia di coronavirus, 20.000 lavoratori sono stati messi in quarantena in condizioni di cibo limitato. Ciò ha portato alla fuga di molti lavoratori, dopodiché Foxconn ha iniziato ad assumere nuove persone. Ma si sono anche ribellati, insoddisfatti delle condizioni di lavoro e della paga. Al momento, la situazione rimane instabile: Foxconn offre già bonus fino a 1.800 dollari al mese per i dipendenti che restano in fabbrica nei mesi di dicembre e gennaio.